domenica 29 marzo 2015

BISCOTTI PASQUALI - CIAMBELLINE E CONIGLIETTI ricetta base pastafrolla



Buona domenica delle Palme!
Avrei voluto pubblicare prima questa ricetta base perchè si adatta a tutto... torte, crostate, biscotti e tutto ciò che si può realizzare con la pastafrolla , ma la vita da mamma è sempre complicata soprattutto quando i piccoli di casa prendono l'influenza.
Questa preparazione è praticamente perfetta, Luca Montersino ha pubblicato da tempo "Peccati di gola" e qui ho trovato finalmente l'equilibrio per tutti gli ingredienti che costituiscono questa pasta. Ovviamente ognuno è libero di modificare le quantità, ma quelle descritte di seguito vi assicurano una riuscita straordinaria !
Friabile , leggera e non troppo dolce.... .vi stupirà !
Ovviamente i biscotti sono stati realizzati assieme alla mia cucciola!!!
Buon divertimento!

PASTA FROLLA  

INGREDIENTI:

  • 250 FARINA 00
  • 120 GR ZUCCHERO A VELO ( oppure zucchero extrafine Eridania)
  • 150 GR BURRO  morbido
  • 2 TUORLI ( circa 40 gr )
  • BACCA DI VANIGLIA ( o VANILLINA)
  • un pizzico di sale
  • scorza di limone bio q.b.
PROCEDIMENTO:

In una ciotola capiente disporre a fontana la farina, nel centro ponete lo zucchero, la vaniglia, la scorza di limone e l'uovo.









Iniziate a lavorare delicatamente , a questo punto aggiungete il pizzico di sale ed il burro ammorbidito.

 
Lavorate  velocemente fino ad ottenere una consistenza sabbiosa, quindi impastate fino a formare un pannetto omogeneo e liscio che ricoprirete con pellicola alimentare per poi disporlo per almeno una mezz'ora in frigorifero.

 
LA PASTAFROLLA E' PRONTA!  Facile, no?
Potete surgelarla e riutilizzarla al momento opportuno, allora vi suggerisco di raddoppiare o quadruplicare le dosi!

BISCOTTI 
  • PASTA FROLLA
  • CODETTE E ZUCCHERINI
  • CIOCCOLATO A PEZZI o OVETTI DI CIOCCOLATO o marmellata o nutella
Stendete la pastafrolla con un mattarello e poca farina fino ad ottenere uno spessore di circa mezzo cm, questi biscotti sono spessi e gustosi e possono essere appesi alle vostre palmette o ramoscelli di ulivo o alberi di Pasqua.
Con un taglia pasta formate le vostre ciambelle ( potete utilizzare un bicchiere grande ed una tazzina da caffè per il centro se non avete l'apposito attrezzo )
Disponete le ciambelle su una placca o teglia foderata di carta da forno , decorare a vostro gusto con codette e zuccherini, infornate per 10/ 12 minuti a forno caldo ad una temperatura di 170° se ventilato.
Sfornate quando saranno leggermente coloriti.
 

CONIGLIETTI
Stendete la pastafrolla con uno spessore di 3 mm circa, con una tazzina da caffè fate dei piccoli cerchi nel centro dei quali posizionerete il vostro ripieno ( cioccolata, marmellata, nutella, ovetti di cioccolata).




 
Chiudete i cerchi su se stessi ricoprendo il ripieno
 

date una forma ovale
 

con una forbice ricavate le orecchie , con uno stuzzicadenti fate gli occhi, se avete zuccherini a palline potete mettere il nasino e la codina.

Ponete tutti i conglietti su una teglia sempre con carta forno , mettete in freezer per una mezz' ora e poi infornate per 10/ 12 minuti a forno caldo ad una temperatura di 170° se ventilato.
Sfornate quando saranno leggermente coloriti.

BUONA DOMENICA DELLE PALME CON I VOSTRI CARI E FATE REALIZZARE I BISCOTTI AI VOSTRI BIMBI  VI DIVERTIRETE TUTTI ASSIEME!!!

martedì 24 marzo 2015

GELATO "Muscovado" ALLA VANIGLIA E ZUCCHERO MASCOBADO MEGLIO DI HAAGEN DAZS!

Se non ci credete assaggiate! Caramelloso meglio di un barattolino Hàagen Dazs e soprattutto più genuino e meno costoso!

Cercavo una buona ricetta per un gelato al fiordilatte, semplice semplice. 
Stavano per arrivare un gruppo di amici a cena a "Casa Grizzly" e sapevo che portavano con se una gustosa crumble di mele con base di panettone, che si sarebbe abbinata perfettamente ad una fresca pallina di gelato cremoso!
Cerca di qua, cerca di là ed ecco che mi imbatto nel sito della Socia dove si parla di zucchero Mascobado .... CE L'HO E MI PIACE UN SACCO!
Inoltre avevo fatto scorta di bacche di vaniglia quindi ...PROVIAMOLO!
Zucchero Mascobado
Nelle Filippine Muscovado è il nome dello zucchero estratto dalla canna. È uno zucchero integrale prodotto con un metodo artigianale e semplice. Si spremono le canne e si concentra il succo per evaporazione dell’acqua, usando come combustibile i residui di canna (bagassa). 

Mascobado trattiene così tutti i principi nutritivi che normalmente si perdono nella raffinazione dello zucchero bianco. È ricco di sali minerali, in particolare di ferro, elemento di cui è difficile coprire il fabbisogno giornaliero. Non è sbiancato chimicamente e tutti i passaggi rispettano principi di agricoltura biologica.
La naturale presenza di melassa gli conferisce colore scuro e aspetto non cristallino. caratteristiche di Mascobado altromercato sono la presenza di piccoli granuli, il sapore intenso ed un lieve retrogusto di liquirizia. Ottimo nei dolci, nelle macedonie e in particolare con lo yogurt bianco, al quale conferisce un gusto molto speciale.

Curiosità: Mascobado è un ingrediente eccelente del noto cioccolato Mascao


domenica 22 marzo 2015

PLUMCAKE "PAN D'ARANCIO" VEGANO - con gocce di cioccolato TUTTO NEL FRULLATORE!



FACILISSIMO ! TUTTI GLI INGREDIENTI NEL FRULLATORE!
In casa un profumo d'arancia pervade ogni  angolo! Questo dolce spettacolare ha un aroma che ti stende, il gusto intenso di agrume abbinato al cioccolato fondente.... è il top! 
Di origini siciliane ( che di dolci e agrumi se ne intendono) è perfetto sia per la prima colazione, per la merenda o per un fine pasto con il botto!
E poi rapido nella preparazione, basta avere un frullatore o un robot da cucina, mettere tutti gli ingredienti, frullare ed il gioco è fatto!
La prima volta che ho assaggiato questa delizia è stato grazie ad una mia carissima amica,  Claudia "ligua argentina" ,  che  ringrazio soprattutto per la sua preziosa presenza nella mia vita ma anche per questa ispirazione che mi ha dato davvero molta soddisfazione! La sua versione ovviamente prevedeva uova e latte come descritto qui nel sito GialloZafferano, con un tocco personale di marmellata di arance Chiavarini , una delizia , così ho iniziato ad elaborare la mia versione, ovviamente sempre dando un'occhiata la web. Ed eccola qui da PianetaVeg , un Pan D'arancio vegano che mi ha conquistato e dove ho imparato che nei dolci, al posto delle uova , si possono usare le mele per il loro potere addensante...  ho apportato solo qualche modifica:
  1. Teglia da Plumcake 11x22 cm al posto della teglia circolare da 22 diam. 
  2. Aggiunto gocce di cioccolato
  3. invertito quantità di mele e arance
Risultato? Beh lo potete vedere con i vostri occhi , morbido, leggermente umido e saporito con il suo profumo che ti pervade ad ogni morso..... gli orsi di famiglia hanno preferito lasciarlo in purezza perchè è ottimo anche senza glasse ma potete accompagnarlo con una salsa d'arancia.
"eihò eihò andiamo a lavorar!" ( mentre scrivo di là in sala l'orsetta guarda Biancaneve :-D )
INGREDIENTI:
teglia plumcake 11x22 cm
  • 300  GR FARINA 00
  • 200  GR ZUCCHERO DI CANNA GREZZO
  • 150 ML OLIO DI GIRASOLE
  • 1  BUSTINA DI LIEVITO VANIGLIATO
  • 1 MELA GRANDE
  • 2 ARANCE BIO  ( di quelle piccole da spremuta)
  • 100 GR GOCCE DI CIOCCOLATO FONDENTE 
 PROCEDIMENTO:
Nel frullatore o nel robot da cucina mettete le due arance, ben lavate, tagliate a pezzi, la mela grattuggiata, lo zucchero, l'olio, la farina setacciata assieme al lievito e poi frullate il tutto  per due minuti fino a quando il composto sarà cremoso ed omogeneo.









Foderare la teglia da plumcake con carta da forno
Versare il composto nella teglia , aggiungere le gocce di cioccolato ( io le tengo in freezer trucchetto per non farle sciogliere subito in forno)  e con una forchetta amalgamarle all'impasto in modo delicato.


Infornare a 170° forno ventilato per 1 ora  circa, controllate con la prova stecchino.


Se usate la teglia circolare di diam 22 sicuramente ci vorrà meno tempo ( circa 45 minuti) per cuocere il dolce perchè l'impasto rimane basso.

Sfornare e lasciare raffreddare bene  prima di poterlo sformare dalla teglia.




Annusate l'aria...... e poi tuffatevi nel vostro dolce!

giovedì 19 marzo 2015

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE A MODO MIO ! Ricetta base crema pasticcera

Ho voluto preparare una colazione speciale per la "Festa del papà" , ovviamente Papà Orso se la merita tutta perchè è molto paziente e buono ma anche golosone!
A modo mio,  primo perchè la vera ricetta delle Zeppole non ho ancora capito quale sia, ci sono mille varianti , tant'è che si è accesa una grande discussione tra me e Big Mama Grizzly se fossero meglio fritte, con il lievitino oppure con la pasta choux!
Secondo perchè abbiamo lavorato a gusto nostro casalingo e non da pasticceria :-).
Alla fine ha prevalso il poco tempo a disposizione ed il buon senso, quindi ci siamo messe all' opera e devo dire che sono venute buonissime, ricche e golose, inoltre le ha realizzate quasi tutte l' orsetta Margherita che si è divertita un mondo con il saccapoche !
Sicuramente con gli attrezzi giusti sarebbero venute più da vetrina, quindi diciamo che la presntazione forse non è da manuale, ma quando hai realizzato dei pasticcini con la tua cucciola il valore aggiunto è stratosferico!

BUONA FESTA DEL PAPA'!

INGREDIENTI PER UNA 15 DI ZEPPOLE:
PER LA PASTA CHOUX
  • 160 GRAMMI DI BURRO
  • 250 ML DI ACQUA
  • 250 GR FARINA
  • UN PIZZICO DI SALE
  • 5 uova ( dipende dalla grandezza, l'importante è aggiungerne una alla volta così potrete verificare la densità dell'impasto, quando forma il classico filo o coda ed è morbido allora è pronto)
PER LA CREMA PASTICCERA

  • 400 ML DI LATTE INTERO
  • 130 GR DI ZUCCHERO SEMOLATO
  • 20 GR DI FARINA 00
  • 25 GR DI AMIDO DI MAIS
  • 4 TUORLI
  • SCORZA DI LIMONE
PROCEDIMENTO: 
pasta choux per bignè
Lavorare di olio di gomito per realizzare la pasta choux senza una planetaria!

 
In un tegame unite burro ed acqua e fate sciogliere a fuoco medio.

Togliete dal fuoco ed aggiungete la farina setacciata ed il pizzico di sale lavorando con un cucchiaio di legno fino a totale assorbimento.

 





A questo punto con vigore mescolate il composto sempre con il cucchiaio di legno rimettendo il tegame sul fuoco basso fino a quando il composto si  staccarà perfettamente dalle pareti della pentola ( in gergo la classica palla ).




 
IMPORTANTISSIMO LASCIATE RAFFREDDARE L'IMPASTO PRIMA DI UNIRE LE UOVA!
Potete trasferire il tutto in una ciotola fredda di freezer e mescolare di tanto in tanto per raffreddare più velocemente.
A questo punto unite le uova, leggermente sbattute, una alla volta, lasciate che il composto assorba bene l'uovo e poi passate al successivo.
                                                                          

Alla fine dovrete ottenere un impasto cremoso e soffice, pronto da mettere nel saccapoche.








Sopra ad una teglia, dove avrete adagiato un foglio di carta da forno, iniziate a formare i bignè con movimenti circolari ( se avete il beccuccio grande rigato da pasticceri farete un figurone, ma sono carini anche lisci)

Infornate a 220° forno statico per 15 minuti, dopodichè abbassate la temperatura a 190° e cuocete ancora per altri 10/15 minuti, non aprite ma controllate che non si scuriscano troppo.
Il risultato finale saranno dei bignè croccanti esternamente, e con grosse bolle di spazi vuoti all'interno.






CREMA PASTICCERA
 Scaldate leggermente il latte, nel frattempo in un pentolino mettete i tuorli con lu zucchero e sbattete con una frusta fino a che siano chiari e spumosi, aggiungete le farine setacciate e mescolate per sciogliere eventuali grumi.
 



Aggiungete a filo il latte facendo assorbire la parte solida continuando a mescolare.


 




A questo punto aggiungete la scorza di limone , la bacca di vaniglia (io aggiungo anche i semi perchè aromatizzano molto e non li filtro), cuocete a fuoco basso sempre mescolando con un cucchiaio di legno.
                                                                        






Quando il composto sarà denso e cremoso, cuocete ancora, sempre rimestando,  2 minuti e la crema è fatta!Lucida e profumatissima!

Mettetela a raffreddare in un recipiente basso e largo coperta a contatto da una pellicola alimentare .

Raffreddati sia i bignè che la crema , alla quale avrete tolto le scorze e la bacca di vaniglia) procedete a riempire e a decorare le vostre Zeppole, noi avevamo in casa le ciliege candite ma la cosa migliore sarebbero le amarene!
Affondiamo le nostre zanne nella crema più cremosa al mondo !




mercoledì 18 marzo 2015

GELATO ALLO YOGURT GRECO MIELE E MANDORLE...O'PA!!




Ahhh la Grecia...che ricordi..... ma di mia mamma e delle mie sorelle non i miei! Purtroppo non ho ancora avuto occasione di visitare questa splendida terra, però sono legata ad essa per la storia della mia famiglia: mio nonno materno Marino, durante la seconda guerra mondiale, trascorse ben 3 anni nell'isola di Samos ( isoletta ai confini con la Turchia) , sbarcando in una circostanza davvero pericolosa, il cargo dove la sua truppa stanziava affondò e lui si salvò perchè era un grande nuotatore rimanendo in acqua  per ben 4 ore d'inverno! Fu salvato da una barca di pescatori greci.
Mio nonno, alla fine del conflitto, è stato prigioniero di guerra degli Inglesi e trasferito in Egitto nei campi di prigionia e dopo circa un anno finalmente è stato reimpatriato in Italia, però in quella perla del Mediterraneo ( proprio come nel film di Salvatores)  lasciò un pezzo del suo cuore, in fondo è stata per lui  la sua seconda patria  tanto che ci tornò più volte , una delle quali in compagnia della mia famiglia.
La cosa straordinaria è stata la reazione della gente che si ricordava di quel soldato Italiano con grande affetto ed i suoi amici greci lo hanno accolto come un fratello.
Beh tra i vari racconti uno riguarda la merenda delle mie sorelle Paola e Marina che, golose nel dna, si pappavano tutti i giorni. Una era una semplice crema di latte e uova , l' altra era  a base di yogurt che, a detta, loro era un assaggio di Paradiso!
Certo non posso riproporre la stessa merenda ma un gelato cremoso con yogurt greco, miele e mandorle penso che sia una bella carezza pomeridiana!
Semplice e veloce per chi ha la gelatiera altrimenti, con un po' di pazienza, mantecatura a mano frequente ed un buon Freezer, avrete il gelato anche senza !
Grazie per i preziosi spunti al sito gelatoincasa
INGREDIENTI:
300 GR YOGURT GRECO (due vasetti Total da 170gr ma in realtà il peso netto è inferiore)
110 GR PANNA
100 GR LATTE
65 GR ZUCCHERO
1 CUCCHIAIO MIELE ACACIA
MANDORLE TOSTATE QB



PROCEDIMENTO:
Importantissimo il frullatore ad immersione, diventerà il vostro migliore amico per molte preparazioni di gelato semplice senza uova.
 


Versare Yogurt, latte, panna, zucchero ed un cucchiaio di miele all'interno del brick (bicchierone del frullatore) ed iniziate a frullare il tutto per massimo 1 minuto o .... attenzione agli schizziiiii!!! 






Amalgamato zucchero e tutti gli ingredienti versare il liquido nella gelatiera ( la mia è Ariete Gran Gelato Metal, con motore autorefrigerante, regalatami da una mia carissima amica che finge di non avere dimestichezza con la cucina ma è solo pigrizia :-D, vero Chiara??).

A questo punto seguite la vostra procedura solita per il gelato a seconda del macchinario che avete, io imposto il timer a 30 minuti e questa "ragazzaccia" fa tutto da se, gira e raffredda mantecando per bene, per essere un elettrodomestico e non una macchina professionale fa i numeri da circo!

Ecco il beeep ed il gelato è pronto!
Con un pochino di fantasia arricchitelo con frutta fresca, o secca, miele oppure lasciatelo in purezza, il sapore è eccezionale !


In questa versione ho aggiunto miele a filo e mandorle tostate... e ora da Orsa slappo tutto... ohh no mio marito è arrivato prima di me...  LASCIANE UN POCHINO ALLA NONNA E A MARGHERITA! Questione da Orsi :-D!